InsolitaMeta

mete insolite per insolite menti

Carnevale di Ivrea, una battaglia di emozioni

Si narra che quest’anno le adesioni alla battaglia delle arance abbiano superato ogni aspettativa. A raccontarcelo uno dei protagonisti di questo carnevale: casacca a quadri bianchi e neri e una grosse torre arancione al centro. È la divisa degli scacchi, una delle storiche squadre di aranceri con cui abbiamo avuto il piacere di pranzare, poco prima che la battaglia avesse inizio. Un piatto di pasta al pomodoro e un pezzo di formaggio, cori da stadio e tanti abbracci. Si respira un’incredibile aria di festa che trascina immediatamente anche noi, eporediesi per caso.

cassette

Ivrea in questi giorni è un tripudio di colori: c’è il verde-giallo degli Arduini, acerrimi nemici degli scacchi, con cui divideranno la splendida Piazza Ottinetti. C’è il rosso-blu dei Picche, i tiratori più antichi, e il nero de La Morte. Ci sono i Tuchini che occuperanno una delle zone più affascinanti della città e che ci hanno conquistato con un pintone di vino ed una travolgente allegria.

piazza

E poi ancora i diavoli, i mercenari, le pantere e i credendari per un totale di 9 squadre a piedi che duelleranno contro ben 54 carri. Storia e leggenda si intrecciano in questo scontro a suon di arance di Calabria, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

carro3

carro

Noi, seguendo scrupolosamente l’Ordinanza del Generale, contribuiamo a questo splendido gioco di colori indossando  il berretto frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione del popolo alla ribellione.

L’origine della battaglia è collocabile nell’Ottocento quando, negli ultimi giorni del carnevale, le giovani fanciulle di Ivrea presero l’abitudine a lanciare dai balconi delle loro abitazioni omaggi di ogni tipo: confetti, fiori, coriandoli. Ai tempi non esistevano zone franche, l’intera città era presa d’assalto.

mano

La battaglia delle arance, e l’intera manifestazione carnevalesca, è un’incredibile evento che coinvolge grandi e piccini, donne e uomini, eporediesi e non. I giovani ne prendono parte a cominciare dai 13 anni, ma la loro appartenenza ad una squadra è segnata fin dalla più tenera età. Zone a loro dedicate, arance di dimensioni ridotte e piccoli carri decorati sono le loro armi da giocobambini

Una lotta all’ultima arancia che termina sempre con una stretta di mano. Terminati i giochi, tolte le casacche, si torna a casa amici più di prima, passeggiando in un manto di morbida e colorata polpa e respirando emozioni ancora fresche nel cuore.

Grazie a Turismo Torino (Silvia Lanza e Chiara Crovella) ed alla Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea per averci dato la possibilità di partecipare a questa splendida manifestazione.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Carnevale di Ivrea, una battaglia di emozioni

  1. Ahia… sento male solo a veder le foto con le arance in volo !
    Eppure le arance fanno bene 🙂

  2. Bellissimo ed interessantissimo post!
    Anche io ho partecipato ad un Carnevale, ma in Germania, a Konstanz 🙂
    Ti invito a visitare il mio blog per la descrizione di questo meraviglioso Carnevale!
    http://ilblogdelpachulli.wordpress.com/2013/02/12/konstanzner-fasnacht-2013/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: