InsolitaMeta

mete insolite per insolite menti

Archivio per la categoria “Eventi”

Carnevale di Ivrea, una battaglia di emozioni

Si narra che quest’anno le adesioni alla battaglia delle arance abbiano superato ogni aspettativa. A raccontarcelo uno dei protagonisti di questo carnevale: casacca a quadri bianchi e neri e una grosse torre arancione al centro. È la divisa degli scacchi, una delle storiche squadre di aranceri con cui abbiamo avuto il piacere di pranzare, poco prima che la battaglia avesse inizio. Un piatto di pasta al pomodoro e un pezzo di formaggio, cori da stadio e tanti abbracci. Si respira un’incredibile aria di festa che trascina immediatamente anche noi, eporediesi per caso.

cassette

Ivrea in questi giorni è un tripudio di colori: c’è il verde-giallo degli Arduini, acerrimi nemici degli scacchi, con cui divideranno la splendida Piazza Ottinetti. C’è il rosso-blu dei Picche, i tiratori più antichi, e il nero de La Morte. Ci sono i Tuchini che occuperanno una delle zone più affascinanti della città e che ci hanno conquistato con un pintone di vino ed una travolgente allegria.

piazza

E poi ancora i diavoli, i mercenari, le pantere e i credendari per un totale di 9 squadre a piedi che duelleranno contro ben 54 carri. Storia e leggenda si intrecciano in questo scontro a suon di arance di Calabria, rievocazione della ribellione popolare alla tirannia.

carro3

carro

Noi, seguendo scrupolosamente l’Ordinanza del Generale, contribuiamo a questo splendido gioco di colori indossando  il berretto frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione del popolo alla ribellione.

L’origine della battaglia è collocabile nell’Ottocento quando, negli ultimi giorni del carnevale, le giovani fanciulle di Ivrea presero l’abitudine a lanciare dai balconi delle loro abitazioni omaggi di ogni tipo: confetti, fiori, coriandoli. Ai tempi non esistevano zone franche, l’intera città era presa d’assalto.

mano

La battaglia delle arance, e l’intera manifestazione carnevalesca, è un’incredibile evento che coinvolge grandi e piccini, donne e uomini, eporediesi e non. I giovani ne prendono parte a cominciare dai 13 anni, ma la loro appartenenza ad una squadra è segnata fin dalla più tenera età. Zone a loro dedicate, arance di dimensioni ridotte e piccoli carri decorati sono le loro armi da giocobambini

Una lotta all’ultima arancia che termina sempre con una stretta di mano. Terminati i giochi, tolte le casacche, si torna a casa amici più di prima, passeggiando in un manto di morbida e colorata polpa e respirando emozioni ancora fresche nel cuore.

Grazie a Turismo Torino (Silvia Lanza e Chiara Crovella) ed alla Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea per averci dato la possibilità di partecipare a questa splendida manifestazione.

Annunci

Stavolta tocca a me!

io vacanza, tu lavorare

In Val di Susa per un tuffo nel Medioevo

Sant’Ambrogio di Torino.

Non poteva che starmi simpatico questo paesino della Val Susa, bandiera del movimento contro la Tav.

E poi, sabato 30 giugno, abbiamo avuto il piacere di visitarlo e di godere dell’ospitalità di questo delizioso comune a due passi da Torino.

E di immergerci, d’un sol colpo, nei sapori e nei colori medioevali.

Qualche giorno fa si è svolta, infatti, la terza edizione della Battaglia delle Chiuse, rievocazione storica della battaglia avvenuta tra Longobardi e Carlo Magno nel 773 d.C.

Ed io, vera amante di sagre e manifestazioni paesane, non potevo proprio lasciarmela scappare!

Ci siamo immediatamente immersi in un clima perfettamente ricostruito quando, all’entrata nel paese, ci siamo ritrovati a scambiare i nostri euro con la moneta locale, i balengu (1 euro=1 balengu).

Abbiamo assaggiato degli ottimi piatti della tradizione piemontese (formaggi con miele, gnocco fritto, dolci vari) e bevuto un buon bicchiere di vino offerto dalla casa.

 

 

 

 

 

 

Due splendidi asinelli hanno passeggiato lungo le vie e si son fatti coccolare dai tanti bimbi presenti. Abbiamo osservato uomini e donne in splendidi costumi d’epoca e ci siamo divertiti con i tanti giochi di strada (la battaglia con i sacchi di juta, il tiro a segno, le trottole e tanti altri) che hanno coinvolto grandi e piccini.

E poi canti, teatro, giocoleria.

 

 

 

 

 

 

 

Sant’Ambrogio è un paese che merita.

Da qui, alzando gli occhi al cielo, è anche possibile ammirare la splendida Sacra di San Michele che domina la vallata.

Impossibile non innamorarsi di questo Piemonte.

La città che muore

Ieri, oltre ad aver realizzato uno dei progetti più importanti della mia vita concludendo il mio percorso universitario, ho ricevuto una piacevole notizia: uno dei mei articoli di viaggio è stato pubblicato sul sito http://www.whatyoulove.it/ della catena alberghiera Best Western.

Difficile descrivere la gioia di poter leggere un mio articolo su un blog tanto famoso, in cui hanno scritto (e continuano a scrivere) alcuni fra i più bravi travel blogger.

E per ringraziarmi di aver partecipato, mi è stato inviato un apprezzatissimo dono di cui non vedo l’ora di poter godere, insieme alla mia metà, co-autore di questo blog.

In questi giorni le mie passioni non sono mai state così in movimento!

Se vi va di dare un’occhiata al mio articolo su La città che muore, CLICCATE QUI

Buona lettura!

Capodanno…help!

Ancora nulla di organizzato per capodanno?

Pochi soldini da spendere?

Perché dannarsi?

Le più famose città italiane, per la notte di San Silvestro, offrono sempre qualche evento gratuito per permettere a chiunque di ascoltare buona musica a costi zero.

Questi i concerti in piazza confermati fin’ora:

  • Salerno (Piazza Amendola) – Gianna Nannini
  • Roma (Fori imperiali) – Negramaro con apertura di Giusy Ferreri
  • Firenze (Piazzale stazione Santa Maria Novella) – Caparezza
  • Napoli – Almamegretta
  • Torino – Renzo Arbore e la sua orchestra
  • Bologna – concerto gospel
  • Rimini (Piazzale Fellini) – Franco Battiato
  • Modena – Modena city ramblers
  • Venezia e Mestre – Love 2012 (allo scoccare della mezzanotte bacio collettivo. Durante la serata musica live e spettacolo pirotecnico)

Navigazione articolo